Falstaff

Acquista biglietti
Aprile 2021
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Trama

L'opera si svolge all'inizio del XV secolo.

 

Atto I

Scena: Windsor (Regno Unito).
Epoca: Regno di Enrico IV d'Inghilterra.

Quadro I

L'anziano e corpulento Sir John Falstaff, alloggiato con i servi Bardolfo e Pistola presso l'Osteria della Giarrettiera, progetta di conquistare due belle e ricche dame: Alice Ford e Meg Page. A questo scopo invia alle due comari altrettante lettere d'amore perfettamente identiche.

Quadro II

La circostanza scatena lo sdegno e l'ilarità di Alice e Meg che, insieme alla comare Quickly e a Nannetta, la figlia di Alice, innamorata del giovane Fenton, progettano una burla ai danni dell'impudente cavaliere, tale da togliergli la voglia di atteggiarsi ad ardente seduttore.
Entrano a questo punto due nuovi personaggi: il marito di Alice, Mastro Ford, e il pedante dottor Cajus, al quale Ford ha promesso la propria figlia Nannetta. Anch'essi, informati dai servi di Falstaff delle intenzioni del padrone, si preparano a contrastarlo ideando a loro volta uno scherzo all'insaputa delle donne.

 

Atto II

Quadro I

Mrs. Quickly reca a Falstaff un messaggio di Alice, la donna ha ricevuto la lettera e lo attende a casa «dalle due alle tre», l'ora nella quale il marito è assente.
Partita Quickly si presenta Ford, sotto il falso nome di signor Fontana, supplicando Falstaff di ricorrere alle sue rinomate arti amatorie per conquistare Alice, affinché la bella, perduta la sua virtù, decida finalmente di concedersi anche a lui.
Falstaff naturalmente accetta, sedotto anche dall'offerta di una ricca borsa, e confida al falso signor Fontana che fra una mezz'ora, non appena «quel tanghero di suo marito» sarà uscito di casa, Alice cadrà fra le sue braccia. Quindi va a vestirsi e a imbellettarsi per l'appuntamento galante.
Il gelosissimo Ford prima si dispera, poi decide di irrompere in casa propria con i suoi uomini per sorprendere gli adulteri.

Quadro II

Ma le donne fanno in tempo a nascondere Falstaff, recatosi pimpante all'appuntamento amoroso, dentro la cesta del bucato. Al suo posto, dietro un paravento, Ford scopre la figlia Nannetta, intenta a scambiare tenerezze con Fenton. Infine Falstaff viene gettato nel fossato sottostante tra le risa di tutti i presenti.

 

Atto III
Quadro I

Alice rivela al marito la verità e tutti – uomini e donne – si coalizzano per giocare a Falstaff l'ultima spettacolare burla: la comare Quickly lo convince a recarsi ad un secondo appuntamento con Alice e Meg, a mezzanotte, nel parco, travestito da Cacciatore Nero. Tutti si travestono da fate e folletti; nella divisione dei ruoli, a Nannetta tocca la splendida Regina delle fate ed il padre intende approfittare della confusione per sposare la figlia con il vecchio Dr. Cajus; mentre spiega il suo piano al dottore, indicando anche il travestimento che dovrà usare, viene udito per caso da Mrs. Quickly, che immediatamente avverte la giovane.

Quadro II

L'incontro galante si trasforma in «tregenda»: mascherati da creature fantastiche, tutti gli abitanti di Windsor circondano il panciuto seduttore, mentre una schiera di folletti (i bambini di Windsor) lo tormenta e lo costringe a confessare i suoi peccati.
Finalmente Falstaff riconosce il servo Bardolfo e comprende di essere stato, una volta ancora, burlato. Intanto Ford sposa quella che crede sua figlia Nannetta con il Dr. Cajus ma, tolto il velo si scopre che è invece Bardolfo! L'opera così finisce in allegria: Ford si rassegna, acconsente al matrimonio di Nannetta e Fenton e invita tutti a cena; e Falstaff – ritrovata l'antica baldanza – detta la morale della storia: «Tutto nel mondo è burla.»

Programma e cast

Direttore d'orchestra: Balázs Kocsár
Sir John Falstaff: Alexandru Agache
Ford
Fenton: Ninh Duc Hoang Long
Dottor Caius: János Szerekován
Pistola: Bacio András
Bardolfo: Péter Balczó
Signora Alice: Andrea Rost
Nannetta: Kinga Kriszta
Signora Quickly: Bernadett Fodor
Signora Page: Gabriella Balga

Erkel Theatre

Inaugurato nel 1911 in origine, il Teatro Erkel è il più grande edificio teatrale dell'Ungheria. La sua storia si intreccia con l'età d'oro di prestazioni di opera ungherese, con luminari come Luciano Pavarotti, Placido Domingo, Éva Marton e Grace Bumbry tutta aver abbellito la fase di un edificio la cui acustica sono considerati roba da leggenda dell'opera. 

 

Dopo essere stato persiane per più di cinque anni con il suo destino in dubbio dopo la chiusura nel 2007, il governo ungherese lo scorso anno ha fornito 1,7 miliardi di fiorini in sovvenzioni per il rinnovamento del teatro, permettendo l'Hungarian State Opera di ristrutturare il Teatro Erkel a uno standard adatto per tiene spettacoli. 

 

Gran parte delle ristrutturazioni ha avuto luogo dietro le quinte, con solisti e spogliatoi condiviso le camere e le aree comuni riadattati e ampliato. Inoltre, le apparecchiature tecniche del palcoscenico ha subito ammodernamento significativo, mentre i sistemi di servizio dell'edificio (acqua, idraulici, di riscaldamento e ventilazione), sono stati anche portato fino ad oggi. 

 

Il pubblico potrà ora entrare in un auditorium con un look completamente nuovo, mentre è stato fatto ogni sforzo per garantire che fantastiche proprietà acustiche dell'edificio sono rimasti invariati. Un fattore che aumenterà notevolmente il comfort è il moderno sistema di ventilazione installato nella zona salotto. Anche se il numero di posti è stato ridotto da 1.935 a 1.819 rimontando le file di sedili per un maggiore comfort, il teatro conserva tuttavia il suo rango come il teatro più alta capacità in Ungheria - e in Europa centro-orientale.

Eventi correlati